Livio Catalano
PHOTOGRAPHY
Ogni cosa è illuminata - Everything is illuminated, Il Nepal è uno stato dell'Asia centrale, tra Cina e India, chiuso al nord dalla dorsale meridionale dell'Himalaya
« < >

Ogni cosa è illuminata - Everything is illuminated

ITA
Il Nepal è uno stato dell'Asia centrale, tra Cina e India, chiuso al nord dalla dorsale meridionale dell'Himalaya che comprende alcune delle cime più imponenti del mondo. Proprio per queste e in quanto terra di pratiche tradizionali e templi che testimoniano un'originale commistione di induismo e buddhismo, il Nepal esercita da sempre un fascino unico per i viaggiatori provenienti da ogni parte del mondo. Dopo una storia millenaria di Regni e feudalesimo, dal 2008 è diventato una Repubblica federale. La variegata composizione etnica del Nepal è dovuta alle differenti popolazioni, di cultura e origini diverse, giunte nel tempo dalle regioni circostanti. Autoctoni sono soltanto i discendenti delle antiche popolazioni nepalesi appartenenti al ceppo mongoloide, soprattutto i newari, diffusi nella valle di Kathmandu. Lungo la frontiera tibetana e nelle valli himalayane, così come al centro e ad oriente, predominano altri gruppi mongoloidi, ai quali si deve l'introduzione della cultura tibetana e del buddhismo lamaista. Nella zona mediana del Paese vivono invece popolazioni di origine indoeuropea originarie della piana del Gange, alle quali si deve l'introduzione dell'induismo, con la conseguente suddivisione della popolazione in caste, e di idiomi indoeuropei come il nepālī, la lingua diffusa a livello nazionale.
Il Nepal è un Paese estremamente povero. La sua popolazione vive in prevalenza in piccoli villaggi rurali, distribuita in modo ineguale a seconda delle condizioni ambientali, con le aree più densamente popolate presenti nella regione centrale, dove è la capitale Kathmandu, e la zona di Lumbini, nella regione occidentale. Il turismo costituisce un'importante fonte di valuta straniera ma il suo sviluppo viene rallentato da una precaria situazione politica e da infrastrutture ancora carenti. Le vie di comunicazione sono inadeguate e di difficile agibilità, così come arretrati sono i mezzi di trasporto. Il Nepal, inoltre, si trova a registrare negli ultimi anni diverse emergenze ambientali quali la deforestazione e l'erosione del suolo, causati da un eccessivo utilizzo della legna come materiale combustibile, l'inquinamento atmosferico e delle acque nelle zone urbanizzate, causato anche dalla mancanza di fognature all’interno dei grandi insediamenti urbani, l'inquinamento ambientale provocato dai rifiuti prodotti dalle spedizioni alpinistiche organizzate sulle cime dell’Himalaya.
Ad Aprile 2015 un violentissimo terremoto ha colpito il Paese provocando migliaia di vittime e danneggiando gravemente buona parte degli edifici storici di Kathmandu, sito inserito nel patrimonio dell'umanità dall'UNESCO, esempio del sincretismo religioso e culturale del Nepal. Il Nepal, una terra con un patrimonio artistico ricco di suggestioni tibetane, induiste e derivanti dal buddhismo tantrico, una nazione animata da un vivo spirito di partecipazione degli abitanti ad un costante susseguirsi di feste religiose e popolari, la cui scansione è strutturata sul calendario nepalese e dove tutto è un omaggio alla tradizione: la cucina classica, l'abbigliamento tipico, le musiche e le danze delle origini, i riti secolari.

ENG
Nepal is a country in Central Asia, between China and India, enclosed in the Northern area by the Southern Himalayan ridge, which includes some of the most impressive peaks in the world. It is precisely for these reasons and as a land of traditional practices and temples that testify to an original mix of Hinduism and Buddhism, that Nepal has always charmed travelers from all over the world. After a thousand-year history of kingdoms and feudalism, since 2008 it has become a federal republic. The varied ethnic composition of Nepal is due to different populations, of different cultures and origins, which have arrived over time from the surrounding regions. The only autochthonous people are the descendants of the ancient Nepalese populations of Mongoloid stock, especially the Newaris, widespread in the Kathmandu valley. Along the Tibetan border and in the Himalayan valleys, as well as in the center and in the East, other Mongoloid groups are predominant, to whom we owe the introduction of Tibetan culture and Lamaist Buddhism. In the middle area of the country live populations of Indo-European origin, from the Ganges plain, to which we owe the introduction of Hinduism, with the consequent subdivision of the population into castes, and of Indo-European idioms such as nepālī, the national language.
Nepal is an extremely poor country. Its population lives mainly in small rural villages, distributed according to environmental conditions, with the most densely populated areas being in the central region, where the capital Kathmandu is located, and in the Lumbini area in the Western region. Tourism is an important source of foreign income, but its development is slowed down by a precarious political situation and by the lack of public infrastructure. The transport routes are inadequate and difficult to use. Nepal has also faced several environmental emergencies in recent years such as deforestation and soil erosion, caused by the excessive use of wood as a combustible material, air and water pollution in urbanized areas, caused – amongst other things – by lack of sewers, environmental pollution, caused by waste produced by mountaineering expeditions organized on the peaks of the Himalayas.
In April 2015, a violent earthquake struck the country causing thousands of victims and seriously damaging most of the historic buildings of Kathmandu, a site included in the UNESCO World Heritage Sites list, an example of Nepal's religious and cultural syncretism. Nepal is a land with a rich Tibetan and Hindu artistic heritage, and influenced by Tantric Buddhism, a nation animated by a lively spirit of participation by its inhabitants in a constant succession of religious and popular festivals, whose times are dictated by the Nepalese calendar and where everything is a tribute to tradition: traditional cuisine, traditional clothing, original music and dance, age-old rites.

ITA
Un’abitazione per le strette vie del centro di Kathmandu.
ENG
A home among the narrow streets in the center of Kathmandu.
1 / 26 enlarge slideshow
ITA
Un’abitazione per le strette vie del centro di Kathmandu.
ENG
A home among the narrow streets in the center of Kathmandu.
ITA
Un lavoratore addetto al trasporto dell’acqua in una piccola piazza a Kathmandu. 
ENG
A man with a water bowl in a small square in Kathmandu.
2 / 26 enlarge slideshow
ITA
Un lavoratore addetto al trasporto dell’acqua in una piccola piazza a Kathmandu.
ENG
A man with a water bowl in a small square in Kathmandu.
ITA
Una tipica strada a Kathmandu nei pressi di Durbar Square. Kathmandu. Nel caos che contraddistingue la città sono ancora evidenti le tracce del sisma del 2015. 
ENG
A typical street near Durbar Square, Kathmandu. In the chaos of the city, traces of the 2015 earthquake are still evident.
3 / 26 enlarge slideshow
ITA
Una tipica strada a Kathmandu nei pressi di Durbar Square. Kathmandu. Nel caos che contraddistingue la città sono ancora evidenti le tracce del sisma del 2015.
ENG
A typical street near Durbar Square, Kathmandu. In the chaos of the city, traces of the 2015 earthquake are still evident.
ITA
Fedeli in visita al complesso buddhista di Swayambhunath, anche conosciuto come Tempio delle scimmie per la presenza delle numerose scimmie che vivono nel sito. Kathmandu. 
ENG
Devotees visiting the Swayambhunath Buddhist complex, also known as the Monkey Temple, because there is a large number of monkeys living there. Kathmandu.
4 / 26 enlarge slideshow
ITA
Fedeli in visita al complesso buddhista di Swayambhunath, anche conosciuto come Tempio delle scimmie per la presenza delle numerose scimmie che vivono nel sito. Kathmandu.
ENG
Devotees visiting the Swayambhunath Buddhist complex, also known as the Monkey Temple, because there is a large number of monkeys living there. Kathmandu.
ITA
Lo Stupa di Bodhnath, a Kathmandu, è il monumento buddhista per eccellenza. Con un diametro di 37m e un’altezza di 43 m, è il centro principale dell’adorazione e degli studi buddisti himalayani nella valle di Kathmandu. 
ENG
The Bodhnath Stupa in Kathmandu is the Buddhist monument par excellence. With a diameter of 37m and a height of 43m, it is the main center of Himalayan Buddhist worship and studies in the Kathmandu valley.
5 / 26 enlarge slideshow
ITA
Lo Stupa di Bodhnath, a Kathmandu, è il monumento buddhista per eccellenza. Con un diametro di 37m e un’altezza di 43 m, è il centro principale dell’adorazione e degli studi buddisti himalayani nella valle di Kathmandu.
ENG
The Bodhnath Stupa in Kathmandu is the Buddhist monument par excellence. With a diameter of 37m and a height of 43m, it is the main center of Himalayan Buddhist worship and studies in the Kathmandu valley.
ITA
Degli uomini si recano a lavoro alle prime luci dell’alba nei dintorni del parco nazionale di Chitwan, nel Nepal centro-meridionale. È il più grande parco del Paese, dichiarato patrimonio mondiale dall’Unesco.
ENG
Men going to work at dawn in the surroundings of Chitwan National Park, in South-central Nepal. It is the largest park in the country, declared a World Heritage Site by UNESCO.
6 / 26 enlarge slideshow
ITA
Degli uomini si recano a lavoro alle prime luci dell’alba nei dintorni del parco nazionale di Chitwan, nel Nepal centro-meridionale. È il più grande parco del Paese, dichiarato patrimonio mondiale dall’Unesco.
ENG
Men going to work at dawn in the surroundings of Chitwan National Park, in South-central Nepal. It is the largest park in the country, declared a World Heritage Site by UNESCO.
ITA
Una strada verso Sauraha, piccolo centro abitato nelle vicinanze del parco di Chitwan.
ENG
A road to Sauraha, a small town near the Chitwan park.
7 / 26 enlarge slideshow
ITA
Una strada verso Sauraha, piccolo centro abitato nelle vicinanze del parco di Chitwan.
ENG
A road to Sauraha, a small town near the Chitwan park.
ITA
Addestratori di elefanti portano al pascolo i pachidermi. Questi mastodontici animali vengono utilizzati per le passeggiate dei turisti sulla loro groppa nel Parco di Chitwan. Negli ultimi anni si è sviluppata una campagna di sensibilizzazione per promuovere un turismo responsabile che non sfrutti gli elefanti e che scelga, anzi, visite nei santuari che li riabilitano e tutelano
ENG
Elephant trainers lead pachyderms to pasture. These enormous animals are used for tourist walks in Chitwan Park. In recent years, an awareness campaign has been developed to promote responsible tourism that does not exploit elephants and chooses visits to sanctuaries that rehabilitate and protect them.
8 / 26 enlarge slideshow
ITA
Addestratori di elefanti portano al pascolo i pachidermi. Questi mastodontici animali vengono utilizzati per le passeggiate dei turisti sulla loro groppa nel Parco di Chitwan. Negli ultimi anni si è sviluppata una campagna di sensibilizzazione per promuovere un turismo responsabile che non sfrutti gli elefanti e che scelga, anzi, visite nei santuari che li riabilitano e tutelano
ENG
Elephant trainers lead pachyderms to pasture. These enormous animals are used for tourist walks in Chitwan Park. In recent years, an awareness campaign has been developed to promote responsible tourism that does not exploit elephants and chooses visits to sanctuaries that rehabilitate and protect them.
ITA
Abitanti di un villaggio Tharu, la popolazione indigena della regione del Terai, rientrano alle case al termine di una giornata di lavoro nei campi. Parco Nazionale di Chitwan. 
ENG
Inhabitants of a Tharu village, the indigenous population of the Terai region, return to their homes after a day's work in the fields. Chitwan national park.
9 / 26 enlarge slideshow
ITA
Abitanti di un villaggio Tharu, la popolazione indigena della regione del Terai, rientrano alle case al termine di una giornata di lavoro nei campi. Parco Nazionale di Chitwan.
ENG
Inhabitants of a Tharu village, the indigenous population of the Terai region, return to their homes after a day's work in the fields. Chitwan national park.
ITA
Una donna nel villaggio Tharu nei pressi di Sauraha. Parco Nazionale di Chitwan. 
ENG
A woman in the Tharu village near Sauraha. Chitwan national park.
10 / 26 enlarge slideshow
ITA
Una donna nel villaggio Tharu nei pressi di Sauraha. Parco Nazionale di Chitwan.
ENG
A woman in the Tharu village near Sauraha. Chitwan national park.
ITA
Un uomo in sella alla sua bici all’entrata di Lumbini. Le strade del Nepal sono dissestate, pericolose e la polvere ricopre tutto, persone incluse, anche all’interno delle città. 
ENG
A man riding his bike at the entrance to Lumbini. Nepal's roads are rough, dangerous and dust covers everything, including people, even within cities.
11 / 26 enlarge slideshow
ITA
Un uomo in sella alla sua bici all’entrata di Lumbini. Le strade del Nepal sono dissestate, pericolose e la polvere ricopre tutto, persone incluse, anche all’interno delle città.
ENG
A man riding his bike at the entrance to Lumbini. Nepal's roads are rough, dangerous and dust covers everything, including people, even within cities.
ITA
All’interno di uno dei tanti bus che quotidianamente coprono qualsiasi distanza, stipati all’inverosimile, spesso vecchi e inadatti alle moderne esigenze di trasporto della gente locale e degli innumerevoli turisti. Lumbini. 
ENG
Inside one of the many crammed buses that cover any distance every day, which are often old and unsuitable for the modern transport needs of local people and tourists. Lumbini.
12 / 26 enlarge slideshow
ITA
All’interno di uno dei tanti bus che quotidianamente coprono qualsiasi distanza, stipati all’inverosimile, spesso vecchi e inadatti alle moderne esigenze di trasporto della gente locale e degli innumerevoli turisti. Lumbini.
ENG
Inside one of the many crammed buses that cover any distance every day, which are often old and unsuitable for the modern transport needs of local people and tourists. Lumbini.
ITA
Un venditore di oro e gioielli, con il caratteristico copricapo nepalese, sull’uscio della propria bottega. Tansen. 
ENG
A gold and jewelery seller, wearing the traditional Nepalese hat, in front of his shop. Tansen.
13 / 26 enlarge slideshow
ITA
Un venditore di oro e gioielli, con il caratteristico copricapo nepalese, sull’uscio della propria bottega. Tansen.
ENG
A gold and jewelery seller, wearing the traditional Nepalese hat, in front of his shop. Tansen.
ITA
Bambini giocano in una delle strette vie di Tansen, nella parte occidentale del Nepal. 
ENG
Children playing in one of the narrow streets of Tansen, in Western Nepal.
14 / 26 enlarge slideshow
ITA
Bambini giocano in una delle strette vie di Tansen, nella parte occidentale del Nepal.
ENG
Children playing in one of the narrow streets of Tansen, in Western Nepal.
ITA
Uomini sulle rive del lago Phewa nella città di Pokhara. Pokhara è la seconda città del Nepal, nota soprattutto perché da qui partono i principali trekking per raggiungere i monti dell’Himalaya, in particolare l’Annapurna. 
ENG
Men on the shores of Lake Phewa in the city of Pokhara. Pokhara is the second largest city in Nepal, known above all because from here start the main treks to reach the Himalaya mountains, in particular Annapurna.
15 / 26 enlarge slideshow
ITA
Uomini sulle rive del lago Phewa nella città di Pokhara. Pokhara è la seconda città del Nepal, nota soprattutto perché da qui partono i principali trekking per raggiungere i monti dell’Himalaya, in particolare l’Annapurna.
ENG
Men on the shores of Lake Phewa in the city of Pokhara. Pokhara is the second largest city in Nepal, known above all because from here start the main treks to reach the Himalaya mountains, in particular Annapurna.
ITA
Un uomo all’interno di uno dei campi profughi che ospitano i rifugiati tibetani nei dintorni di Pokhara. I Tibetani sono stati costretti ad un flusso migratorio dalla loro terra a seguito dell’invasione cinese negli anni ’50 e della conseguente persecuzione. 
ENG
A man inside one of the refugee camps that house Tibetan refugees near Pokhara. Tibetans were forced to migrate from their homeland to Nepal following the Chinese invasion of Tibet in the 1950s and the subsequent persecution of Tibetans by the Chinese.
16 / 26 enlarge slideshow
ITA
Un uomo all’interno di uno dei campi profughi che ospitano i rifugiati tibetani nei dintorni di Pokhara. I Tibetani sono stati costretti ad un flusso migratorio dalla loro terra a seguito dell’invasione cinese negli anni ’50 e della conseguente persecuzione.
ENG
A man inside one of the refugee camps that house Tibetan refugees near Pokhara. Tibetans were forced to migrate from their homeland to Nepal following the Chinese invasion of Tibet in the 1950s and the subsequent persecution of Tibetans by the Chinese.
ITA
Bambini si preparano a far volare i loro aquiloni a Bandipur, piccola cittadina che ancora custodisce l’animo medievale del Nepal, situata nel cuore del Paese. 
ENG
Children with their kites in Bandipur, a small town in the heart of the country, still holding the medieval soul of Nepal.
17 / 26 enlarge slideshow
ITA
Bambini si preparano a far volare i loro aquiloni a Bandipur, piccola cittadina che ancora custodisce l’animo medievale del Nepal, situata nel cuore del Paese.
ENG
Children with their kites in Bandipur, a small town in the heart of the country, still holding the medieval soul of Nepal.
ITA
Donne, vestite con gli abiti tradizionali, davanti la loro umile casa in un piccolo villaggio agricolo nei dintorni di Bandipur. 
ENG
Women, dressed in traditional clothes, in front of their humble house in a small agricultural village near Bandipur.
18 / 26 enlarge slideshow
ITA
Donne, vestite con gli abiti tradizionali, davanti la loro umile casa in un piccolo villaggio agricolo nei dintorni di Bandipur.
ENG
Women, dressed in traditional clothes, in front of their humble house in a small agricultural village near Bandipur.
ITA
Uomini giocano a Carrom Board un gioco da tavola tipico del Nepal. Villaggio nei dintorni di Bandipur. 
ENG
Men playing Carrom Board, a Nepalese board game. A village near Bandipur.
19 / 26 enlarge slideshow
ITA
Uomini giocano a Carrom Board un gioco da tavola tipico del Nepal. Villaggio nei dintorni di Bandipur.
ENG
Men playing Carrom Board, a Nepalese board game. A village near Bandipur.
ITA
Piccoli monaci nel complesso di Budanilkantha, famoso per la statua supina e lunga 5 m di Vishnu. Valle di Kathamandu.
ENG
Little monks in the Budanilkantha complex, famous for the supine and 5m long statue of Vishnu. Kathamandu valley.
20 / 26 enlarge slideshow
ITA
Piccoli monaci nel complesso di Budanilkantha, famoso per la statua supina e lunga 5 m di Vishnu. Valle di Kathamandu.
ENG
Little monks in the Budanilkantha complex, famous for the supine and 5m long statue of Vishnu. Kathamandu valley.
ITA
Pire funebri lungo le sponde del fiume Bagmati, nel complesso monumentale del Tempio di Pashupatinath, il più antico tempio indù nella Valle di Kathmandu. 
ENG
Funeral pyres along the banks of the Bagmati river, in the monumental complex of the Pashupatinath Temple, the oldest Hindu temple in the Kathmandu Valley.
21 / 26 enlarge slideshow
ITA
Pire funebri lungo le sponde del fiume Bagmati, nel complesso monumentale del Tempio di Pashupatinath, il più antico tempio indù nella Valle di Kathmandu.
ENG
Funeral pyres along the banks of the Bagmati river, in the monumental complex of the Pashupatinath Temple, the oldest Hindu temple in the Kathmandu Valley.
ITA
Ruote e campane di preghiera in un piccolo tempio immerso nelle vie di Patan. 
ENG
Prayer bells in a small temple in Patan.
22 / 26 enlarge slideshow
ITA
Ruote e campane di preghiera in un piccolo tempio immerso nelle vie di Patan.
ENG
Prayer bells in a small temple in Patan.
ITA
L’imponente tempio di Nyatapola a Bhaktapur, antica città newari nella Valle di Kathmandu. 
ENG
The amazing Nyatapola temple in Bhaktapur, an ancient Newari city in the Kathmandu Valley.
23 / 26 enlarge slideshow
ITA
L’imponente tempio di Nyatapola a Bhaktapur, antica città newari nella Valle di Kathmandu.
ENG
The amazing Nyatapola temple in Bhaktapur, an ancient Newari city in the Kathmandu Valley.
ITA
Uomini tra le vie di Bhaktapur. 
ENG
Men in the streets of Bhaktapur.
24 / 26 enlarge slideshow
ITA
Uomini tra le vie di Bhaktapur.
ENG
Men in the streets of Bhaktapur.
ITA
Fedeli riuniti per la preghiera serale nella piazza antistante il tempio di Nyatapola a Bhaktapur, intonano canti al ritmo delle percussioni, tra venditori ambulanti e i turisti. 
ENG
Devotees gathered for evening prayers in the square in front of the Nyatapola temple in Bhaktapur, singing songs to the rhythm of percussions, among street sellers and tourists.
25 / 26 enlarge slideshow
ITA
Fedeli riuniti per la preghiera serale nella piazza antistante il tempio di Nyatapola a Bhaktapur, intonano canti al ritmo delle percussioni, tra venditori ambulanti e i turisti.
ENG
Devotees gathered for evening prayers in the square in front of the Nyatapola temple in Bhaktapur, singing songs to the rhythm of percussions, among street sellers and tourists.
ITA
Una donna accende una candela votiva davanti un tempio. Bhaktapur. 
ENG
A woman lights up a votive candle in front of a temple. Bhaktapur.
26 / 26 enlarge slideshow
ITA
Una donna accende una candela votiva davanti un tempio. Bhaktapur.
ENG
A woman lights up a votive candle in front of a temple. Bhaktapur.
Link
https://www.liviocatalano.it/ogni_cosa_e_illuminata_everything_is_illuminated-p21993

Share link on
CLOSE
loading